Il Monte Velino sorge tra la conca del Fucino e le valli dell’Aterno, del Salto e del fiume Velino, a cavallo tra l’Abruzzo ed il Lazio. La diga è in calcestruzzo del tipo a gravità massiccia, con profilo triangolare ed andamento NATURA E SPORT SUL FIUME VELINO La ASD Roma Acquavventura, in collaborazione con la Federazione Italiana Rafting (FI.Raft) è lieta di proporre all’interno del territorio Reatino escursioni in raft e attività guidate alle pendici del monte Altre specie che è possibile trovare con un po' di fortuna sono trote iridee, carpe, tinche, persici, scardole, temoli e lucci. Alcuni rispondono “Dal Monte Velino”, invece la sorgente si trova nel comune di Cittareale (RI). In epoca pre-Romana il fiume impaludava nella Piana di Rieti formando il Lago Velino. 2349). Dati portata Fiume Velino (Stagione 2018). s.l.m) e del Sirente (mt. Nasce alle falde del Monte Pozzoni (1 903 metri), nell'alta provincia di Rieti; la sorgente è posta 1 667 metri s.l.m. monte pozzoni e sorgenti del Fiume Velino | Cittareale, Lazio (Italia) rute Itinerario abbastanza breve ma interessante, vario e molto panoramico. Nasce alle falde del Monte Pozzoni (1 903 metri), nell'alta provincia di Rieti; la sorgente è posta 1 667 metri s.l.m. Presso questa pianura il Velino riceve il tributo delle grandi sorgenti del Peschiera, le seconde in Italia e le maggiori dell'Appennino, che gli versano una portata media di oltre 20 m³ al secondo (con minime di 15), parzialmente deviate nell'Acquedotto del Peschiera che serve gran parte della città di Roma. Il Fiume Turano nasce da sorgenti in prossimità del Valico di Monte Bove (1220 m) con un reticolo idrografico articolato in numerosi fossi evidenziati nelle figure 7 e 13, insieme ai confini Nell'antica Roma il Velino era chiamato Avens flumen, mentre fino al XVII secolo era riportato sulle carte geografiche come Mellino. Per un tratto di 14 Km mantiene le caratteristiche di un torrente continuando a crescere ricevendo l'afflusso di molteplici piccoli torrenti fino all'abitato di Posta dove comincia a ricevere l'apporto di affluenti più importanti. nel territorio comunale di Cittareale ed ha una portata di 7 litri al secondo. google_ad_slot = "2607582316"; Successivamente la società Terni procedette, con la costruzione di rilevanti opere d'ingegneria idraulica, allo sfruttamento idroelettrico e industriale delle copiose portate sia del Velino, sia del Nera, al punto che, oggi, la cascata è visibile solo in giorni prestabiliti, essendo la sua massa d'acqua deviata in condotte forzate a scopo idroelettrico. Più avanti, sempre da destra, si immette nel Velino l'emissario del lago di Piediluco. Il Parco Regionale Sirente Velino nasce nel 1989 e comprende i massicci del Monte Velino (2487 mt. Scopri le migliori offerte, subito a casa, in tutta sicurezza. 62 relazioni. finalmente nel XVIII secolo, sotto il papato di Pio VI, l'architetto Andrea Vici, realizzò la sistemazione definitiva della costa rocciosa (le Marmore che danno il nome alla cascata) che è giunta ai nostri giorni. Velino (fiume) Il Velino (l'antico Avens flumen per i romani) è un fiume dell'Italia Centrale, il maggiore affluente del fiume Nera (riva sinistra) ed il maggiore subaffluente del Tevere. Il fiume Velino, l'antico Avens flumen per i romani, è il maggiore affluente del fiume Nera (riva sinistra) ed il maggiore subaffluente del Tevere. Le sue fredde acque percorrono l'Alta Valle del Velino lambendo le pendici del monte Terminillo e qui tra salti, briglie, cascate e marmitte scolpisce le Gole del Velino. Il Monte Velino è la cima più elevata della catena Velino-Sirente con 2487 metri s.l.m., terzo gruppo montuoso più elevato dell'Appennino continentale dopo Gran Sasso e Maiella. Monte Laghetto-Monte Prato. Il toponimo Velino viene fatto risalire da Dionigi di Alicarnasso al termine Velia, con cui in antichità erano indicate le aree lacustri o paludose. Il Monte Pozzoni da Cittareale è una gita senza particolari difficoltà, divertente e con un panorama veramente notevole trovandosi a cavallo di 4 regioni: Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo. presso Rieti nel fiume Velino che rappresenta uno dei più importanti corsi d’acqua dell’Appennino centrale. Il Parco è splendido e deve essere visitato non solo per apprezzare una natura incontaminata da proteggere, ma anche per il suo patrimonio fatto di storia millenaria e tradizioni contadine e montanare. Il fiume Velino. Velino – fiume italiano, affluente del Nera; Monte Velino – monte italiano, terza vetta dell'Appennino; Lago Velino – antico lago prosciugato in epoca romana, situato nei pressi di Rieti; Comuni. Nelle fresche acque del Velino prospera la famigerata trota Fario, specie particolarmente pregiata e ambita dagli amanti della pesca sportiva. Nasce alle falde del Monte Pozzoni (m 1.903) presso Cittareale in provincia di Rieti, percorre una stretta valle lambendo le pendici del monte Terminillo a ovest (Gole del Velino) e di Monte Giano a est. e appartenente ai Monti Reatini. Acque purissime, provenienti dall'alto dei monti circostanti innevati e ghiacciati durante la stagione invernale. Fonte: Analisi a monte della confluenza con il, Sintesi degli studi relativi all'istituzione del Parco del Velino, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Velino_(fiume)&oldid=116942307. Dove nasce il fiume Velino? Nel suo passaggio tra le valli reatine, il fiume bagna con le sue acque il territorio di Colli sul Velino. A valle di Colli sul Velino il fiume riceve da destra le acque dell'emissario dei laghi Lungo e di Ripasottile, zona umida protetta da una riserva naturale parziale, nonché quelle delle sorgenti di Santa Susanna (5500 litri al secondo); qui il Velino esce dalla Piana Reatina tornando in una valle più stretta e dirigendosi a nord. Il fiume cambia durante il suo corso innumerevoli volte passando dal quieto e quasi impercettibile scorrere dei punti pianeggianti al fragone dei tratti più irruenti e suggestivi. Il Velino (l'antico Avens flumen per i romani) è un fiume dell'Italia Centrale, il maggiore affluente del fiume Nera (riva sinistra) ed il maggiore subaffluente del Tevere. Fiume Velino, Rieti Picture: Case lungo il Velino - Check out Tripadvisor members' 3,223 candid photos and videos of Fiume Velino Personalmente segnalo 3 tratti diversi per pescare, limitandomi al corso del Velino. La pesca è regolamentata dalla Legge Regionale 87/1990  e Legge Regionale 16/1995 e il calendario di apertura è a disposizione di ogni singolo pescatore. per la Valle San Rufo, Valle Pozzoni, Fonte Pozzoni, Sorgente del Fiume Velino, Di solito alla domanda: "dove nasce il Fiume Velino" tantissime persone (compreso escursionisti) rispondono, sbagliando, "dal Monte Velino", invece la sorgente si trova nel comune di. E003384 Rieti il fiume Velino a monte del ponte romano. Eventi. Il salto è sfruttato a fini idroelettrici dalla centrale di Galleto che con i 654 MW generati è l'impianto più potente dell'Appennino e il quinto d'Italia. //-->, Collegati o registrati per inviare un commento, @copyright 2011 | GP Design di Paoni Gianluca | Tutti i diritti riservati, Fiume Ratto - 17.09.11 (8 corrispondenze), Torrente Scura - 17.09.11 (8 corrispondenze), Trota Fario - 17.09.11 (7 corrispondenze), Laghetto di Posta - 17.09.11 (6 corrispondenze), Lago di Paterno - 17.09.11 (6 corrispondenze), Trota Iridea - 17.09.11 (6 corrispondenze), Torrente Tascino - 17.09.11 (4 corrispondenze). Rieti Tourism; Rieti Hotels; Rieti Bed and Breakfast; Rieti Vacation Rentals; Rieti Vacation Packages; Flights to Rieti; Rieti Restaurants; Things to Do in Rieti Un paesaggio splendido dove l'unico suono che si ascolta è lo scrosciare dell'acqua che percorre il letto del fiume e poi cade dalle briglie formando piccoli laghetti in cui  si rispecchia tutto il meraviglioso paesaggio circostante.Il fiume lascia poi questo territorio e attraversa il reatino fino in terra umbra dove si tuffa nel fiume Nera, del quale è il maggiore affluente, formando le famose Cascate delle Marmore. Tra i fiumi più puliti d’Italia, il fiume Velino nasce dal monte Pozzoni, detto anche monte Pizzuto, una montagna dell’Appennino Centrale alta più di 1900 m s.l.m. L’imponente piramide sommitale, con i … Al termine della pianura, presso Marmore in provincia di Terni, il Velino precipita nel Nera formando la spettacolare cascata delle Marmore, alta 165 m su tre salti successivi, dei quali il primo di 120 metri. Qui il fiume vira ad ovest, bagnando Borgo Velino e Castel Sant'Angelo, in corrispondenza del quale la valle si allarga formando la Piana di San Vittorino, zona interessata da fenomeni carsici, dove si trovano sorgenti di acqua sulfurea (sfruttate dalle Terme di Cotilia) e il Lago di Paterno. Lungo 90 km, scorre per quasi tutto il suo corso in provincia di Rieti, con un bacino idrografico di ben 2 338 km² (quasi il 15% del bacino idrografico complessivo del Tevere) ed è caratterizzato da un regime idraulico assai regolare con portate medie alla foce di 63,81 m³ al secondo, minime di 33 e massime di 130. Dopo alterne vicende conseguenti agli interessi contrapposti dei ternani e dei reatini (questi ultimi avevano interesse a che il Velino non inondasse più la Piana Reatina), vicende che videro l'intervento d'illustri e famosi architetti (Antonio da Sangallo il Giovane, Carlo Maderno, Giovanni Fontana, ecc.) Cittareale in provincia di Rieti. Monte Pozzoni. A Terria, nei pressi di Contigliano, il Velino riceve da sinistra il tributo del Turano, che scende dai monti Sabini e anch'esso regolato dall'omonima diga. Poco dopo Casette (frazione di Rieti), il fiume si arricchisce da sinistra delle acque del fiume Salto, che drena i monti del Cicolano, il cui corso è regolato dall'omonima diga; quindi attraversa Rieti, dividendo il centro storico (alla sua destra) dal quartiere Borgo. Hotels near Fiume Velino, Rieti on Tripadvisor: Find 3,816 traveller reviews, 3,225 candid photos, and prices for 170 hotels near Fiume Velino in Rieti, Italy. Geografia. I maggiori corsi d'acqua che nell'Alta Valle del Velino contribuiscono ad accrescere la portata del Velino sono il Ratto, lo Scura e il Peschiera. È lungo circa 90 km, ma ha un bacino idrografico di ben 2.338 km² ed è caratterizzato da un regime idraulico assai regolare con portate medie alla foce di 60 m³ al secondo, minime di 40 e massime di 300.