Questo lo faccio sempre notare ai miei allievi perché a volte non si rendono conto che assecondare una proposta di lavoro impegnativa soddisfa e fa scoprire doti inaspettate». La scuola come istituzione ha una propria identità, costituisce un mondo particolare che puo' diventare significativo per i giovani se intorno agli aspetti della vita scolastica si riesce a sviluppare una consapevole attività educativa, ad organizzare un loro percorso di crescita(ordine, puntualià, impegno, responsabilità personale, rispetto delle persone e delle cose, ascolto, dialogo, equità, collaborazione, … Sono oltre 300 gli allievi accolte nelle scuole della Fondazione San Benedetto, che da 30 anni fanno parte del sistema scolastico ticinese. 3. LA MISSIONE EDUCATIVA NELLA FAMIGLIA, NELLA CHIESA, NELLA SOCIETÀ La “missione educativa”, che nel “Convegno Ecclesiale Dio-cesano” abbiamo riscoperto come la nostra perenne vocazione, sembra stare a cuore alla società contemporanea che cerca nuovi ancoraggi. C’è una ricchezza e una bellezza dentro la realtà che ci circonda che è tutta da scoprire e approfondire. La missione educativa della Scuola del Castello - Istituto Padre Annibale di Francia a Monza. Sarà scandita in due punti. Oltre ai pronunciamenti del Magistero è doveroso ricordare che il Centro Studi per la Scuola Cattolica (CSSC) Un recente documento della Congregazione per l'Educazione Cattolica ha richiamato l'importanza della missione educativa dei religiosi nella scuola. È importante, perché è la radice dalla quale nasce il lavoro didattico e l’accoglienza che ci contraddistinguono. In fondo, questo è possibile concretamente solo se si stima l’altro, guardandolo come un valore infinito, a prescindere da quanto sia «produttivo» o «capace». La nostra missione educativa proviene direttamente dagli insegnamenti e dall’opera di Sant’Annibale Maria Di Francia, del quale il nostro istituto porta il nome. Comunità di lavoro delle Chiese Cristiane in Ticino, La Carta dei valori del Festival della dottrina sociale, Inserto Catholica nel Corriere del Ticino, Pandemia in Ticino: «occorre mantenere alta la solidarietà dimostrata durante la prima ondata», Matrimonio civile per tutti: i vescovi svizzeri e la «priorità ai diritti del bambino», Un testo inedito su «Fogli» racconta il Natale secondo padre Pozzi, Quando la nascita di Gesù Bambino accade in Val Pontirone o in Val Bedretto. La scuola per sua natura lavora su diverse dimensioni temporali Nell'attuale situazione, che vede, La Bellezza della missione educativa. Per un insegnante, così come per un genitore, significa affidare quel che si fa alla libertà degli allievi, assumendosi il rischio che essi possano sbagliare o fallire. Nel tempo le persone che lavorano alla «Carovana » (scuola dell’infanzia), al «Piccolo Principe» (scuola elementare) e alla «Parsifal» (scuola media) sono cambiate, ma lo spirito è rimasto immutato. Il suo disorientamento non è molto diverso da quello della famiglia, della comunità cristiana o di altre agenzie educative che stentano ad assumere la loro funzione propria, in modo pieno e al tempo stesso rinnovato. Per esempio, insegnando italiano, sono stupito dei vistosi progressi nella scrittura che l’impegno di anni porta con sé. La missione educativa risiede nei genitori proprio in quanto sposi; ciascuno dei coniugi partecipa solidariamente della paternità o maternità dell’altro. La Scuola quindi si propone di realizzare il diritto all’educazione di tutti i bambini in età prescolare, in stretta collaborazione con le famiglie e gli organismi di partecipazione sociale, in linea con quanto previsto dalla legislazione vigente. Il rapporto scuola-famiglia è centrale nell’esperienza della san Benedetto. vita, della libertà, della fedeltà, della solidarietà”. Favorirne il ruolo di osservatore/sensore/facilitatore (in particolare nei … LA MISSIONE EDUCATIVA NELLA FAMIGLIA, NELLA CHIESA, NELLA SOCIETÀ La “missione educativa”, che nel “Convegno Ecclesiale Dio-cesano” abbiamo riscoperto come la nostra perenne vocazione, sembra stare a cuore alla società contemporanea che cerca nuovi ancoraggi. Nell'attuale situazione, che vede, Le scuole della Fondazione San Benedetto portano avanti una proposta educativa con una forte identità. Una scuola che mettesse al centro la persona nella sua interezza, capace di accompagnare le nuove generazioni alla scoperta del mondo, consapevole che tutto risponde a un disegno buono e positivo». Crediamo che la scuola non si riduca ad una fabbrica di nozioni e ad una palestra di apprendimento. Il primo e fondamentale apporto alla missione educativa nella scuola da parte delle persone consacrate è la radicalità evangelica della loro vita. Nella secon da tenterò di definire il senso della sua teoria educativa r ispetto al concetto di scuola-laboratorio come sperimentazio ne dell’individuo per la democrazia la cui ra - dice è indiscutibilmente filosofica ma che, proprio nella sperimentazione Pdella scuola, trova la propria applicazione educativa 9. Mettendo al centro la vita dei ragazzi. [v] In continuità con il do- cumento sui laici, intende ora riflettere sull'apporto specifico delle persone consa- crate alla missione educativa nella scuola, alla luce dell'Esortazione apostolica Vita Tutto questo avviene con le stesse modalità della scuola comunale e cantonale (siamo parificati), ma andando oltre la «neutralità» dell’educazione di Stato. Potenziare la missione educativa della scuola attraverso il collegamento alla Rete e alle altre agenzie educative. È un rischio, e non esistono formule perfette, ma crediamo che questo sia il sale dell’educare e del fare cultura». Perché il voto assegnato dall’insegnate deve rispecchiare certamente il risultato ottenuto, ma non deve essere inteso solo come una misura ma bensì come la possibilità di attribuire valore al percorso di ciascun ragazzo». Istituto Padre di Francia - Scuola del Castello. Per aiutare concretamente la realizzazione di quest’opera è possibile fare una donazione: Associazione San Benedetto, Porza, IBAN CH52 8080 8004 4471 5477 3. Il compito della scuola non è solo quello di istruire, ma anche quello di formare ed educare.I rapidi cambiamenti economici e sociali scaturiti, dallo sviluppo tecnologico, fanno pensare che la scuola debba fornire gli strumenti fondamentali per accrescere, approfondire e modificare le conoscenze, senza accontentarsi di trasmettere agli individui solamente un bagaglio di nozioni. Abbiamo chiesto a Luca Botturi, presidente della Fondazione San Benedetto, di spiegarci il valore di questa scelta: «Quando si educa, avere un’identità significa proporre un’ipotesi positiva e definita, che cerca di ricondurre tutto ciò che si insegna e si impara a un’immagine unitaria. la cattolica[iv] e sui laici testimoni della fede nella scuola. in quanto connaturate al senso stesso della sua funzione educativa. Non solo tra docenti della stessa materia ma anche più trasversalmente. la cura dell’individualizzazione della relazione educativa; I compiti di partecipazione comprendono: l’attenzione e il dialogo con la chiesa locale perché scuola, centri e comunità cristiana riscoprano e assumano senza riserve la dimensione educativa dell’esperienza cristiana; i rapporti esterni con il mondo della scuola, della cultura. La creazione di un unico luogo nel nuovo quartiere Cornaredo è certamente l’occasione per offrire agli allievi spazi didattici adeguati e di qualità, ma è soprattutto la possibilità di creare un luogo di vita, di incontri, di scambio per gli allievi, per le famiglie, per i docenti e per i collaboratori. La Missione Educativa dell’Istituto “San Giulio D’Orta” offre un ambiente ed un clima caratterizzati da fiducia, dialogo, serenità e disponibilità. Educare è bello perché non si limita a trasmettere nozioni su nozioni, ma tocca il cuore di chi educa e di chi viene educato, con percorsi diversi, ma con l’unico obiettivo: elevare la propria umanità come esige il progetto di Dio per ogni persona umana. Missione Educativa; ... «Se non si fa precedere l’educazione del cuore, la fiaccola della scienza non sarà che un tizzone». Significa anche vedere l’errore come un passo, a volte necessario, nel percorso di crescita. Le risposte della scuola La scuola è stata spiazzata da questa situazione nuova. Favoriamo il loro processo di conoscenza del mondo grazie a gite d’istruzione e uscite didattiche mirate, Curiamo con attenzione le lezioni che che i nostri docenti impartiscono nelle classi avvalendoci degli strumenti didattici più moderni, in accordo con le linee guida del Ministero dell’Istruzione, favorendo uno sviluppo armonico del gruppo e sosteniamo l’importanza degli insegnamenti di lingua inglese, musica, educazione fisica, Offriamo ai nostri studenti una vasta selezione di attività extrascolastiche, sportive e culturali, coordinate da docenti qualificati e fruibili all’interno dell’Istituto, permettendo loro di sviluppare liberamente le proprie inclinazioni personali. Missione Educativa; ... «Se non si fa precedere l’educazione del cuore, la fiaccola della scienza non sarà che un tizzone». Inoltre per tante famiglie la scuola diventa un luogo prezioso perché si sentano accompagnate, capite nella preoccupazione più grande che è quella che i loro figli possano star bene e crescere felici». che uno ha. «Spero – prosegue Bonetti – di riuscire ad aiutare i ragazzi e le ragazze che ci sono affidati, nello scoprire sempre di più qual è il personale contributo che possono dare al mondo, affrontando con passione il cammino affascinante della vita. Sosteniamo l’importanza del dialogo con le famiglie per lo sviluppo della nostra linea educativa: la scuola non è un sostituto della famiglia cui delegare l’educazione e la formazione, nella nostra visione ne è un complemento all’interno del quale gli studenti ritrovano gli stessi valori e … – collaborano con i genitori: il loro aiuto è un prolungamento, e non una sostituzione, del focolare domestico. Per informazioni chiamare il numero 091 930 88 45. I consigli di classe sono momenti privilegiati per questo tipo di lavoro». La scuola e la sua missione educativa. È necessario sostenere lo scoraggiamento che la fatica spesso innesca. Le suore dell’Istituto portano avanti la missione educativa nella provincia della Campania e del Lazio partendo dalle basi, cioè dalla scuola materna. Se, come crediamo, la verità della scuola si manifesta nella sua capacità di trovare le risposte opportune alle molte attese - soprattutto a quelle silenziose ‑ di coloro che la frequentano, adulti e ragazzi. Identità Costituzionale: • Come risposta ai diritti del bambino • Come esigenza della Scuola Cattolica per cui il suo spirito è la promozione umana con i … «Noi desideriamo sempre incontrare i genitori – ci dice Bonetti – perché nel dialogo con loro si conosce meglio l’allievo e si instaura un’alleanza necessaria per la sua crescita. Tale azione educativa si svolge attraverso la collaborazione partecipata e aperta tra famiglia e scuola. Questo in una scuola avviene attraverso l’incontro con le varie discipline e nel rapporto tra compagni e con i docenti. Educhiamo i nostri studenti alla valorizzazione di sé e al rispetto della propria persona, degli altri e di ogni diversità, condividendo insieme alle famiglie i valori alla base delle linee educative. Allievi, docenti e genitori partecipano quindi insieme, ognuno con le proprie responsabilità e con i propri compiti, alla vita scolastica affinché gli allievi possano imparare, certamente con fatica, ma con gusto.

Adriana Fossa Maldini, Piloti F1 2018, Barbara Alberti: Età, La Dea Fortuna Scena Finale, Bella Abissina Testo, Stefano Feltri Fidanzata, Marina Ceratto Boratto, Agrigento Cosa Vedere,